L’isola di Favignana

L’isola di Favignana, la più grande dell’arcipelago delle Egadi, è un gioiello incastonato nel Mar Mediterraneo, a circa 7 km a largo della costa occidentale della Sicilia.

Il nome Favignana ha origini latine da favonius (favonio), termine che i Romani usano per indicare il vento caldo che proveniva da ovest.

L’isola è ricoperta quasi del tutto da macchia mediterranea, formata prevalentemente da arbusti cespugliosi e boscaglia di pini marittimi.

Oggi è una meta turistica molto conosciuta, ogni anno, sono migliaia le persone che decidono di trascorrere qualche giorno sull’isola.

Origine del nome

Nell’antichità, Favignana era conosciuta con vari nomi: Aponiana, Gilia, Katria o Auegusa, quest’ultimo nome deriva dal greco è significa “Isola delle capre” per via della loro abbondante presenza sul territorio.

L’isola è stata abitata sin dall’era preistorica, come dimostrano i ritrovamenti archeologici nelle grotte del Genovese, dove sono state scoperte incisioni rupestri e resti di insediamenti umani risalenti al Paleolitico e al Neolitico.

Durante l’epoca romana, l’isola divenne un importante centro per la pesca e la produzione di garum, una salsa di pesce molto apprezzata nell’antica Roma.

Nel Medioevo, Favignana fu sotto il controllo degli Arabi, che gli diedero l’attuale nome e, poi, successivamente, l’isola fu dominata da: Normanni, Svevi, Aragonesi, fino a quando non entrò a far parte del Regno delle Due Sicilie.

Il territorio

L’isola di Favignana si estende per 19,38 kmq, è larga 4 km e lunga 9 km, si trova a circa 9 miglia da Trapani. La sua forma ricorda quella di una farfalla con ali spiegate con al centro il Colle di Santa Caterina, il punto più alto con i suoi 300 metri.

Le altre cime sono Punta della Campana (296 metri) e Punta Grossa (252 metri). Sul lato meridionale sono presenti gli isolotti di Galera, Galeotta e Preveto.

Il comune di Favignana, incluse le isole dell’arcipelago (Favignana, Levanzo, Marettimo, Maraone e Formica), contano circa 4494 abitanti (dato 2022) che, durante la stagione estiva, tra luglio e agosto, arrivano anche a superare le 40.000 presenze.

Favignana appartiene alla riserva naturale delle isole Egadi (1991), la vegetazione è composta soprattutto da oleastro, carrubo, sommacco e lentisco, ma ci sono anche specie endemiche molto interessati come il fiorrancio marittimo e il cavolo marino.

A est dell’isola sono presenti tanti giardini (ipogei) coltivati e curati all’interno di cave di tufo dismesse, uno dei più belli è il Giardino dell’Impossibile.

Le spiagge di Favignana

L’isola di Favignana è la meta ideale per chi vuole godersi un mare cristallino ed immergersi nelle bellissime acque delle tante spiagge presenti sul territorio.

La costa favignanese è un susseguirsi di piccole calette e incantevoli spiagge sabbiose, specialmente nella zona meridionale. Vediamo le più importanti.

Cala Rossa

Cala Rossa, situata sulla costa nord-orientale dell’isola, è considerata una delle spiagge più belle del Mediterraneo.

La sua sabbia è bianca e fine, le acque sono turchesi e le scogliere circostanti creano un paesaggio di rara bellezza. Secondo la leggenda, il nome “Cala Rossa” deriva dal colore rosso del sangue dei Cartaginesi, sconfitti dai Romani durante la Prima Guerra Punica in una battaglia che si svolse proprio in queste acque.

Cala Azzurra

Cala Azzurra è situata sulla costa sud-orientale dell’isola, a breve distanza dal centro abitato di Favignana. È facilmente raggiungibile sia in auto che in bicicletta, grazie alla presenza di strade ben segnalate che conducono direttamente alla cala.

Le acque sono di un colore cristallino e trasparente e assumono delle sfumature di azzurro intenso. Questa cala è molto apprezzata dalle famiglie perché il fondale è sabbioso e poco profondo, adatto anche ai bambini.

Cala Rotonda

Cala Rotonda è bellissima ed è caratterizzata dalla presenza di un arco di pietra modellato da vento e salsedine.

Ci sono molte rocce e la spiaggia di sabbia è mista a ciottoli e rocce. È uno stupendo porto naturale che può essere raggiunto via mare e via terra.

Altre spiagge dell’isola di Favignana

Ecco le altre spiagge presenti sull’isola tutte da scoprire:

  • Lido Burrone
  • I Calamoni
  • Punta Lunga
  • Cala Grande
  • Cala del Preveto
  • Cala Faraglioni
  • Punta Sottile
  • Grotta Perciata
  • Punta Fanfalo
  • Cala del Cavallo
  • Grotta dei Sospiri

Le attività da fare sull’isola di Favignana

Chi vuole trascorrere una vacanza nelle Isole Egadi, deve senz’altro iniziare da Favignana che, oltre ad essere l’isola più grande dell’arcipelago, è quella meglio collegata dai trasporti.

Favignana è la meta ideale per chi cerca un po’ di tranquillità e pace dal caos frenetico della città. Sono tante le attività che è possibile fare, da soli o in famiglia, vediamone alcune.

Cosa fare a Favignana di giorno

L’isola può essere visitata in barca o in auto, anche se il miglior modo per godere dei bellissimi paesaggi è quello di noleggiare una bici o uno scooter, con i quali è possibile anche arrivare facilmente alle cale e alle insenature.

Vengono organizzate numerose escursioni su tutta l’isola: è possibile fare trekking sul monte Santa Caterina con vista panoramica dal castello; fare un giro in barca e visitare le grotte marine, oppure, una visita ai meravigliosi giardini ipogei.

Sono presenti tanti locali e ristoranti dove pranzare. Il porto turistico è ideale per passeggiare e godersi il tramonto.

Cosa fare a Favignana di sera

La vita notturna è molto rilassata, non ci sono discoteche o zone note per la movida, ma vengono spesso organizzate feste in spiaggia in cui trascorrere qualche ora all’insegna del divertimento.

Lungo le strade principali sono presenti cocktail bar aperti fino all’alba, dove sorseggiare qualche cocktail in compagnia e rilassarsi.

Cosa fare a Favignana in famiglia e con i bambini

L’isola di Favignana è ideale per le famiglie che vogliono trascorrere una vacanza condividendo dei momenti con i propri figli, senza distrazioni.

I bambini hanno la possibilità di fare tante attività all’aperto, così come i ragazzi, che potranno godersi una giornata al mare, oppure, andare in bici, camminare o fare escursioni. L’offerta turistica è davvero molto ricca.

Visita alla Tonnara di Favignana

La Tonnara di Favignana, denominata ufficialmente Ex Stabilimento Florio delle tonnare di Favignana e Formica, è una tonnara molto antica di 32 mila metri quadri, coperta per circa ¾, comprensivo di uno stabilimento per conservare il pescato.

Chiuse definitivamente negli anni ’70 perché non era più possibile gestirla in modo sostenibile. Fu negli anni ’90 che la Regione acquisì la Tonnara e la rese nuovamente disponibili alla comunità come museo.

Nel 2003 sono iniziati i lavori di restauro, poi conclusi nel 2009. Oggi la Tonnara di Favignana è un museo archeologico aperto tutti i giorni, con all’interno sale multimediali, filmati storici, testimonianze video relative alla mattanza e alla tonnara, e un “antiquarium” contenente reperti archeologici trovati nell’arcipelago.

La Tonnara di Favignana (Ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica) si trova in Via Amendola, 29, 91023 Favignana TP.

Gli orari di apertura sono: tutti i giorni dalle ore 09:30 alle ore 13:30, e dalle ore 17:00 alle ore 21:00.

  • L’ingresso è a pagamento solo per i gruppi guidati.
  • I biglietti sono in vendita a Favignana nel museo.
  • Il prezzo del biglietto è di 6 euro a persona.
  • Ingresso gratuito fino a 18 anni.
  • 3 euro per studenti universitari dai 18 ai 25
  • Gratuito per gli insegnanti che presentano l’attestazione dell’istituto scolastico.

Per maggiore informazioni è possibile contattare l’Ufficio Turistico del Comune di Favignana al numero +39 0923.925443.

Cosa mangiare a Favignana

Un soggiorno nelle Isole Egadi è completo solo dopo aver assaporato la gastronomia locale, che riflette la storia e le tradizioni del territorio.

A Favignana, il pesce e le verdure mediterranee sono i protagonisti della cucina, arricchita da influenze arabe e spagnole. Tra i piatti tipici ci sono: couscous, frascatole, spaghetti con i ricci e aragosta, sarde a becca fico, nunnata, e pani cunzatu.

Il tonno è molto utilizzato per la preparazione di diverse ricette come: polpette, spaghetti alla bottarga, tunnina in agrodolce e lattume.

Tra i dolci, cannoli, cassata siciliana, granita siciliana, liquore alle erbe e la tradizionale brioche con gelato.

Dove dormire a Favignana

Sono davvero tante le opzioni di alloggio disponibili per dormire a Favignana: sull’isola sono presenti numerosi hotel adatti a qualsiasi budget, dai più lussuosi a quelli più economici.

Non mancano i b&b a Favignana per chi è alla ricerca un’atmosfera più intima e calorosa o soluzioni low cost per una vacanza breve.

Ci sono anche tante case vacanze e appartamenti che offrono maggiore indipendenza, perfetti per famiglie o gruppi di amici.

Inoltre, non mancano agriturismi immersi nella natura, che permettono di vivere un’esperienza autentica, combinando ospitalità e tradizionale locale.

Come arrivare a Favignana

Favignana non ha un suo aeroporto, ma è possibile comunque raggiungerla prenotando un volo per Trapani o Palermo e poi imbarcarsi dal porto di Trapani.

Qui trovi gli orari dei traghetti Trapani/Favignana e Favignana/Trapani.

Vediamo tutte le soluzioni disponibili.

In aereo

Per arrivare a Favignana in aereo, è possibile partire da uno dei principali aeroporti italiani per raggiungere Trapani, Palermo o Catania.

L’aeroporto più vicino a Favignana è il Vincenzo Florio o Birgi, che si trova a Trapani, ed è anche il migliore per raggiungere l’isola in poco tempo.

Atterrati a uno dei tre aeroporti, per arrivare sull’isola bisogna prendere un autobus verso Trapani (Consulta le linee autobus dirette) e raggiungere il porto,  dove fare il biglietto per un aliscafo o per un traghetto per Favignana.

In nave

Per arrivare a Favignana in nave è possibile partire da alcuni dei principali porti italiani: Napoli, Genova, Livorno, Civitavecchia, Cagliari e Salerno, e raggiungere Palermo.

Da qui dovrai raggiungere Trapani in auto oppure in bus e imbarcarti per Favignana.

In auto

Chi vuole arrivare a Favignana in auto deve partire dal porto di Trapani o Marsala. Chi parte da Palermo può raggiungere il porto di Trapani in 1 ora e 20 minuti; da Messina, si può raggiungere Trapani in 3 ore e 50 minuti.

Dal porto di Trapani è possibile imbarcare la propria auto su uno dei tanti traghetti diretti a Favignana.

In treno

Per raggiungere Favignana in treno bisogna partire da una qualunque stazione ferroviaria italiana per raggiungere quella di Trapani, da qui poi basta arrivare al porto e imbarcarsi verso l’isola.

Per raggiungere il porto dalla stazione è possibile utilizzare un taxi o un servizio di transfert. Chi ha pochi bagagli, può anche arrivarci a piedi in meno di 15 minuti.

Lascia un commento